AnyGamble

27 ott 2021
Blog del casinò

Come funzionava il famoso team del MIT Blackjack

Un giorno, un gruppo di studenti del famoso Massachusetts Institute of Technology decise di provare a battere il casinò. E l'hanno fatto con un gioco di carte molto popolare, il blackjack. E così si formò la famosa squadra di blackjack del MIT, che usava il conteggio delle carte per schiacciare i casinò.

Perché il blackjack? Perché hanno scoperto che è l'unico gioco che possono battere. Così negli anni '90, la squadra iniziò a fare viaggi regolari a Las Vegas e tornava sempre con un bel bottino. Naturalmente, la composizione della squadra cambiava man mano che gli studenti andavano e venivano dalla scuola.

"Hanno preso più di 400.000 dollari dai casinò di Las Vegas in un fine settimana", dice Gordon Adams, un membro della squadra investigativa.

La loro squadra ha usato un metodo in cui i giocatori contano le carte. Questo li aiuta a capire in quale situazione si trovano e a regolare le loro scommesse di conseguenza. Sapendo quali carte sono rimaste, o scommettono alto quando ci sono più 10 rimasti e basso quando ci sono più carte basse rimaste. Questi sono infatti redditizi per il rivenditore.

La squadra del MIT Blackjack all'inizio

I giocatori del MIT non sono stati i primi a contare le carte. Ma hanno sfruttato al massimo le loro conoscenze e hanno usato i computer per farlo, e il loro gioco è stato davvero devastante per i casinò. Hanno anche scritto programmi per computer per capire la strategia ideale in determinate situazioni, che hanno migliorato nel tempo.

"Dopo essere tornati dal nostro viaggio a Las Vegas, abbiamo scritto tutte le informazioni sul computer", ricorda il membro del team del MIT Semyon Dukach.

I nuovi membri del team si sono allenati per settimane o mesi al campus del MIT di Cambridge, in Massachusetts, poi hanno iniziato a fare esperienza di gioco nella Chinatown di Boston. Dopo questo addestramento completo, sono stati appena in grado di dirigersi a Las Vegas e iniziare a salire nella gerarchia della squadra.

Negli anni '90, il team del MIT visitava Las Vegas ogni fine settimana.

Una volta scelto un casinò, hanno prima mandato un contatore per guardare il tavolo e contare le carte. Quando si avvicinava una situazione più vantaggiosa per il giocatore, dava un segnale segreto ai suoi compagni di squadra, che prendevano posto al tavolo e cominciavano a girare intorno al casinò.

I giocatori iniziarono immediatamente a scommettere alto, fino a quando non ricevettero di nuovo il segnale che la situazione non era così buona.

Vivere la vita alta

Contare le carte non è illegale, né è considerato barare. Ma il casinò può farti accompagnare fuori e poi non farti rientrare. Troverete anche molti impiegati nel casinò che controllano i giocatori tutto il giorno, alla ricerca di potenziali contatori e imbroglioni. Naturalmente, i membri del team del MIT lo sapevano e così hanno cambiato il loro aspetto e la loro identità.

Sono sempre andati al casinò per vedere gli high rollers, i ricchi uomini d'affari che, a prima vista, stanno solo gettando soldi in giro senza cervello nel casinò. Inoltre, Dukach ha usato la sua ascendenza dell'Europa dell'Est per fare la sua parte.

"In uno dei miei anni migliori, andavo al Caesar's Palace ogni fine settimana come Nikolai Nogoff, un trafficante di armi dalla Russia", aggiunge. "Ma non ho mai detto a nessuno che ero un trafficante d'armi, me l'hanno solo attribuito".

La squadra del MIT si è anche goduta i suoi favolosi viaggi a Sin City. Avevano i biglietti per ogni spettacolo e persino per gli incontri di boxe sold-out. Poi hanno passato il resto delle loro notti con le spogliarelliste. "È stato uno spasso", dice Dukach.

Sì, è vero che gli studenti si sono divertiti molto nei loro giorni di gloria, ma tutte le cose belle hanno una fine, e così ha fatto la squadra del MIT che ha preso centinaia di milioni di dollari dai casinò della neon Las Vegas durante il suo mandato.

Ecco un estratto dell'ultimo film sul conteggio delle carte e la squadra del MIT, realizzato nel 2008. Kate Bosworth e Kevin Spacey sono stati scritturati nei ruoli principali del film 21.

Come funzionava il famoso MIT Blackjack Team

Il MIT Blackjack Team è diventato famoso in tutto il mondo per la sua capacità di girare i casinò di tutto il mondo. Anche le persone che non sanno giocare a blackjack lo conoscono, grazie al film The Eye Takes (21). Ciò che manca nel film, tuttavia, è la vera storia degli studenti che hanno fatto milioni contando le carte al blackjack.

Formazione della squadra di blackjack del MIT

L'anno era il 1980 e Bill Kaplan, laureato ad Harvard, aveva usato con successo per 3 anni la tecnica di conteggio delle carte introdotta da Edward Thorp nel suo libro Beat the Dealer. Kaplan ha guidato diverse squadre di blackjack che hanno avuto successo nei casinò di Las Vegas. Con la crescita del gioco d'azzardo ad Atlantic City, Bill Kaplan decise di formare una squadra sulla costa orientale. Il fatto che si chiamasse MIT Blackjack Team era in realtà solo una coincidenza.

"JP Massar e un paio di suoi amici del MIT sono stati i primi giocatori che ho allenato e portato in squadra", dice Kaplan. Uno degli altri giocatori era John Chang. JP e Chang erano membri chiave del team blackack originale nei primi anni '80.  Gradualmente è cresciuta fino ad includere altri giocatori. La maggior parte era del MIT, ma non tutti. Nella squadra c'erano anche giocatori di Harvard e Princeton. Mentre la squadra cresceva, Kaplan reclutò sempre più giocatori, e due di loro divennero l'ispirazione per il libro Bringing Down the House, che fu la base per il film The Eye Takes.

Il film ha scatenato un'ondata di polemiche tra coloro che conoscono la vera storia della squadra del MIT. Nel film, tutti i membri sono bianchi, mentre la maggior parte dei membri reali era composta da asiatici.

Jeff Ma e Mike Aponte

Jeff Ma proveniva da una famiglia ricca. Voleva studiare medicina ad Harvard, ma i suoi piani sono sfumati quando ha scoperto quanti soldi si potevano fare con il blackjack. Mentre la maggior parte del team del MIT ha criticato il film, Jeff Ma ha avuto persino un piccolo ruolo come rivenditore. Dopo la fine della sua carriera nel blackjack, ha avviato diversi siti web che sono stati poi acquistati da aziende più grandi come Yahoo.

Un altro membro della squadra era Mike Aponte, un amico di Jeff che gli insegnò il blackjack e lo portò nella squadra del MIT. I due amici andavano per l'obiettivo comune di fare più soldi possibili al blackjack. Mike Aponte proveniva da una famiglia militare e si spostava spesso da un posto all'altro. Nonostante abbia frequentato 11 scuole diverse, si è laureato con lode. Quando studiava economia al MIT, apprese da un amico che c'era un gruppo di studenti che faceva soldi contando le carte a blackjack.

Aponte ha detto che si è appassionato al blackjack non appena ha incontrato il team del MIT. Non ci volle molto perché si guadagnasse la posizione di "Big Player" della squadra. Il Grande Giocatore era il membro della squadra che aveva il miglior autocontrollo al tavolo. Non aveva necessariamente le migliori capacità di conteggio. Gli altri giocatori gli segnalavano quando c'era un buon tavolo e lui si sedeva e iniziava a giocare.

Mike Aponte era così bravo che alla fine è diventato il manager della squadra. Aponte era responsabile del reclutamento e della formazione dei nuovi membri. Ha continuato nella gestione fino al 2000 e ha aiutato a condurre la squadra a milioni di dollari di profitti. Dopo che la squadra del MIT ha ceduto, Aponte ha continuato con il conteggio professionale delle carte. Nel 2004, ha vinto il campionato mondiale di blackjack.

Organizzazione della squadra di blackjack del MIT

Il modo in cui il team del MIT operava è stato tenuto segreto per molto tempo. Alcuni membri della squadra giocano ancora oggi a blackjack, e non sarebbe un bene per loro se tutti i loro metodi fossero rivelati. Tuttavia, è possibile rintracciare abbastanza informazioni per dare una descrizione di base di come operava la squadra.

Il MIT Blackjack Team era guidato da un team manager. Questo ruolo è stato ruotato per la maggior parte del tempo tra Bill Kaplan, JP Massar e John Chang. Mike Aponte ha avuto il doppio ruolo di manager e grande giocatore per un breve periodo di tempo.

Un team manager di solito non era qualcuno che partecipava al gioco fisico.  Il ruolo del manager era quello di organizzare le sessioni di gioco e assicurare che i giocatori potessero spostare in sicurezza i loro grandi bankroll da un posto all'altro. Negli aeroporti, i giocatori spesso nascondevano grandi somme sul loro corpo sotto i vestiti. Ammettere grandi somme di denaro ai controlli solleverebbe troppe domande. L'IRS si interesserebbe e vorrebbe sapere come alcuni studenti universitari sono entrati in possesso di tali soldi e se stanno pagando le tasse su di essi.

Il lavoro del team di blackjack del MIT sul campo

La squadra era posizionata strategicamente in diversi casinò sotto la supervisione di un manager che organizzava l'intera operazione. Se un membro della squadra aveva un problema, il manager doveva affrontarlo.

Il secondo membro della squadra era un segnalatore. Il lavoro del segnalatore era quello di trovare delle buone tavole. Il segnalatore si è seduto al tavolo come qualsiasi altro giocatore e ha scommesso l'importo minimo. Mentre il gioco procedeva, contava le carte e segnalava al giocatore successivo quando il tavolo era caldo. Uno dei principali segnalatori della squadra del MIT era Jane Willis. Jane era una studentessa di Harvard e ora è uno stimato avvocato.

Quando il tavolo era caldo, il segnalatore fece segno al grande giocatore, che si sedette e iniziò a puntare forte. Quando il tavolo si raffreddò, il Grande Giocatore fu istruito dal segnalatore a lasciare. Il grande giocatore doveva anche capire il conteggio delle carte, ma non era il suo ruolo principale. Il grande giocatore doveva essere in grado di controllare le sue emozioni. La forza del Grande Giocatore era l'autodisciplina. Senza di essa, la tentazione di giocare d'azzardo potrebbe costare a tutta la squadra una gran parte del bankroll. Inoltre, il grande giocatore doveva essere un esperto nel nascondersi dagli esperti contatori di carte del casinò.

Stile di vita della squadra di blackjack del MIT

In The Eye Takes, i membri della squadra sono ritratti come dei grossi scommettitori che buttano soldi in giro per prostitute e champagne. Niente potrebbe essere più lontano dalla verità. Durante tutta la storia della squadra, i membri dovevano cercare di essere il meno appariscenti possibile.  C'erano diverse ragioni per questo.

La ragione principale della paura di essere scoperti era che sarebbe stato loro vietato l'ingresso al casinò. Ai casinò non sono mai piaciuti i computer di carte e hanno assunto personale speciale per catturarli e punirli severamente. Se oggi ti beccano a contare le carte in un casinò, vieni bandito. Ai tempi della squadra del MIT, non era così mite.

Nei primi giorni dei casinò di Atlantic City, essere sorpresi a contare significava un viaggio in una stanza senza finestre per essere interrogati. Questi interrogatori erano spesso piuttosto brutali. Un giocatore di blackjack che riusciva a entrare nella stanza degli interrogatori era spesso contento di lasciare il casinò vivo e non pensava mai a giocare a blackjack nel casinò per il resto della sua vita.

Se gli studenti della squadra del MIT facessero festa e buttassero soldi in giro, sarebbero rapidamente nel mirino dei boss del casinò. Il rischio di essere scoperti aumenterebbe drammaticamente. Era nel loro interesse mantenere il silenzio, fare il loro lavoro e andarsene il più velocemente possibile.

Un'altra ragione per lo stile di vita modesto era che la maggior parte della squadra erano studenti di scuole prestigiose, che richiedevano anche uno studio serio. Essere cacciati dal casinò è una cosa, ma essere cacciati dalla scuola è un problema più grande. Il team del MIT ha affrontato il gioco del blackjack come un business e ha dato risultati.

Se siete interessati a questo argomento, vi consigliamo un'intervista con il fondatore di un'altra squadra simile, ma leggermente diversa, che si è dedicata al conteggio delle carte e ha guadagnato più di tre milioni di dollari nella sua esistenza. Una squadra di contatori di carte che si vantava di essere composta interamente da cristiani:

Cosa è successo alla squadra del MIT?

La squadra del MIT ha avuto molto successo fino a quando non è stata sciolta nel 2000. Diversi fattori hanno contribuito allo scioglimento della squadra.

I casinò stavano migliorando nell'identificare e catturare i computer delle carte. La tacca più grande è stata l'introduzione del software di riconoscimento facciale. I membri della squadra sono stati costretti a indossare travestimenti per nascondere la loro identità. Questo funzionava bene nei primi tempi, ma quando il software è migliorato, i travestimenti hanno smesso di funzionare.

La ricompensa non era pari al rischio corso. Inoltre, molti membri hanno conseguito lauree e con esse lavori ben pagati nel settore privato. Nessuno voleva rovinarsi la carriera facendosi beccare a contare le carte.

Diversi membri sono rimasti a giocare a blackjack dopo lo scioglimento della squadra. John Chang era uno di loro. Ha guadagnato bene contando le carte e continua ancora oggi. Chang è stato catturato molte volte nei casinò ed è costretto a usare travestimenti sempre più elaborati per entrare in uno di essi. Diversi altri membri sono ancora coinvolti nel business del gioco d'azzardo, utilizzando la loro esperienza nel blackjack.

Non importa cosa facciano oggi i membri del MIT Blackjack, tutti possono ricordare un tempo in cui erano i re del casinò. E si può guardare un documentario che, nonostante la sua drammatizzazione, è più fedele del film

Commenti (0)
Aggiungere un commento

Devi essere logato per aggiungere un commento